Milan, da Suso a Correa: il piano dei rossoneri

Il Milan continua a lavorare sul mercato, sia in entrata che in uscita: il focus rossonero resta su Correa, da decifrare il futuro di Suso

Milan Suso Correa
Angel Correa, sogno di mercato del Milan (Getty Images)

Il Milan non si ferma, continuando a guardarsi intorno sul mercato. Il club di Elliott punta a rilanciarsi per qualificarsi, al termine della prossima stagione, per un posto in Champions League. La dirigenza rossonera, dopo aver ceduto ufficialmente Cutrone al Wolverhampton e con Andrè Silva sempre in uscita, si focalizza su due nomi: Angel Correa e Suso. L’argentino rimane il grande sogno per l’attacco di Giampaolo mentre l’ex Liverpool è un vero è proprio enigma da risolvere.

Leggi anche ——> Milan, il piano in uscita: un altro big verso la cessione?

Milan, nodo Suso: il destino dello spagnolo legato a Correa

Secondo quanto riferito da ‘Il Corriere dello Sport’, il Milan potrebbe trovare in Correa il grande alleato per chiudere l’acquisto dell’argentino dall’Atletico Madrid. I ‘Colchoneros’ chiedono ai rossoneri almeno 50 milioni di euro per il cartellino dell’ex San Lorenzo: la dirigenza meneghina, al momento, non va oltre i 40. Si continua a trattare ma la grande voglia di rossonero da parte di Correa potrebbe facilitare il buon esito della trattativa. Il trequartista argentino sa che a Madrid rischia di giocare molto poco ed è per questo che pare più che convinto a trasferirsi sotto la Madonnina. Il destino di Correa, però, pare collegato a doppia mandata con quello di Suso.

Per tutte le ultime notizie sul mercato del Milan CLICCA QUI

Lo spagnolo, nonostante le belle parole di Giampaolo, resta il primo indiziato per lasciare Milanello. Marsiglia, Lione e Roma sono da settimane sulle sue tracce ma il Milan vorrebbe almeno 35 milioni per cedere il cartellino del talento di Cadice. Il classe 1993 dunque resta in bilico. Giampaolo sta provando a ritagliargli un nuovo ruolo sulla trequarti ma Suso non sembrerebbe perfettamente a suo agio dietro le punte: ecco quindi profilarsi un addio che è nell’aria da mesi.

 

 

 

S.C