Calciomercato Roma, non solo Cina: spunta un club spagnolo per Pastore

Calciomercato Roma, non solo Cina: spunta un club spagnolo per Pastore

Calciomercato Roma
Pastore ©Getty Images

Pastore non sta rendendo secondo le aspettative in questa prima stagione alla Roma. Il suo futuro potrebbe essere lontano da Trigoria, già da gennaio

La Roma quest’oggi affronterà il Sassuolo di De Zerbi, in una sfida che si preannuncia molto importante per i giallorossi. La squadra capitolina non sta girando come dovrebbe, ritrovandosi al decimo posto con 24 punti dopo 17 partite.

Tra i flop di mercato di questa stagione c’è sicuramente Javier Patore, sbarcato tra la gioia della tifoseria in estate e finito rapidamente al centro delle critiche. L’ex Palermo si è infatti evidenziato subito per i numerosi problemi fisici, che gli hanno fatto saltare 5 match su 6 del girone di Champions League e diverse partite di campionato. Lo score dell’argentino finora è piuttosto magro: 459′, due gol e un assist.

Visto il rendimento poco convincente, il futuro di Pastore potrebbe essere lontano dalla Capitale. La dirigenza giallorossa infatti starebbe riflettendo su questa possibilità. Oltre alla Cina, sempre vigile sul mercato europeo, ci sarebbe per gennaio anche una pista spagnola per il trequartista.

Calciomercato Roma, Idea Siviglia per Pastore: la situazione

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Javier Pastore potrebbe lasciare la Roma già a gennaio. L’ex PSG infatti potrebbe arrivare in prestito al Siviglia in Spagna. Il club iberico infatti potrebbe salutare a gennaio l’ex Inter Ever Banega, sul cui contratto è presente una clausola da 20 milioni di euro. L’Arsenal infatti sarebbe disposto a coprire l’importo della clausola per assicurarsi il mediano. In caso di addio di Banega dunque, Pastore potrebbe arrivare in Spagna per allungare le scelte di Machin.

Un altro indizio per il possibile decollo di questa doppia operazione è dato dal fatto che Banega e Pastore possiedono lo stesso agente, Marcelo Simonian. Questo aspetto potrebbe essere dicisivo sul possibile incastro già a gennaio delle operazioni.