Milan, con Spalletti si cambia volto: dalla probabile formazione ai possibili colpi

Nemmeno i tre punti ottenuti in rimonta soffrendo con il Genoa potrebbero salvare Marco Giampaolo, il quale potrebbe presto essere esonerato dal Milan per lasciare il posto all’ex allenatore dell’Inter, Luciano Spalletti

Inter-Eintracht Francoforte
Spalletti ©Getty Images

Non vi è dubbio infatti sul fatto che in caso di addio di Marco Giampaolo alla panchina del Milan, la prima scelta da parte del club rossonero sarebbe Luciano Spalletti. Il tecnico toscano è ancora sotto contratto con l’Inter, ha un ingaggio molto pesante e di certo ne vorrebbe uno uguale se non superiore sull’altra sponda del Naviglio. Superati nodi contrattuali però l’allenatore di Certaldo sarebbe ben felice di intraprendere una nuova esperienza in quella che diventerebbe la sua squadra meneghina. In questo caso sarebbe praticamente certo che Spalletti utilizzerebbe come modulo il 4-2-3-1 precedentemente utilizzato praticamente sempre nella sua avventura nerazzurra. In questo caso in porta e difesa niente rivoluzioni, con Donnarumma, Calabria, Musacchio, Romagnoli ed Hernandez.

Milan, le possibili novità con Spalletti: le piste da seguire con attenzione

Nella propria metà campo invece verrebbe schierato Kessie accanto a Bennacer o Biglia. Paqueta potrebbe poi assumere il ruolo di trequartista, mentre Rebic, Suso, Calhanoglu, Rafael Leao e Borini potrebbero alternarsi tra di loro nelle fasce esterne del reparto offensivo.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

In attacco come centravanti potrebbe essere scelto Piatek, anche se non è da escludere che di tanto in tanto Spalletti gli preferisca Rafael Leao. Il tutto senza considerare i possibili colpi che il nuovo tecnico potrebbe chiedere alla dirigenza del Milan. In questo senso, vi abbiamo raccontato, di tre suoi pupilli dalle sue precedenti esperienze alla Roma e all’Inter che potrebbero seguirlo anche in rossonero.

L.M.P.