Italia, la rinascita azzurra targata Mancini

L’Italia di Mancini si è avvicinata agli Europei del 2020 dopo la vittoria ottenuta in Finlandia. Ecco la rivoluzione del ct azzurro

Roberto Mancini ct Italia (Getty Images)
Roberto Mancini ct Italia (Getty Images)

L’Italia di Mancini è ad un passo dagli Europei del 2020. Con il blitz in Finlandia, gli azzurri hanno centrato la sesta vittoria in altrettante gare del girone e comandano,  a +6 dalla squadra battuta ieri a Tampere. La Nazionale tornerà in campo il 12 ottobre allo stadio Olimpico Roma contro la Grecia ed in caso di vittoria staccherebbe il pass per la prossima rassegna continentale con largo anticipo. Mancini viene nominato ct il 14 maggio, dopo la fase di transizione, in cui la Nazionale è guidata ad interim dal commissario tecnico dell’Under 21 Di Biagio per i due test contro Argentina e Inghilterra. L’allenatore marchigiano deve ricostruire una squadra dopo le macerie lasciate da Ventura per la mancata qualificazione ai Mondiali in Russia.  Il 28 maggio dello scorso anno, il debutto della nuova Italia, nell’amichevole contro l’Arabia Saudita, vinta per 2 a 1. Il primo trofeo ufficiale è la Nations League. Nel mini girone gli azzurri arrivano secondi dietro al Portogallo di Cristiano Ronaldo e davanti alla Polonia, restando nella Lega A.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Italia, lancio dei giovani e gioco propositivo la ricetta di Mancini

Leggi anche – Calciomercato Juventus, tutti vogliono Eriksen: il punto

“Riportiamo l’Italia sul tetto del mondo”, il proclama del ct azzurro nel giorno della sua presentazione ufficiale alla stampa. Il percorso è iniziato nel migliore dei modi con il bottino finora pieno nelle qualificazioni agli Europei. Tra i meriti di Mancini quello di aver lanciato diversi giovani come Barella, Sensi, Biraghi, Kean e Zaniolo. Gli ultimi due sono stati esclusi dalle gare contro Armenia e Finlandia per motivi di natura etica, legati ad alcuni comportamenti durante l’ultimo Europeo Under 21. L’ex Juventus, nel match d’andata  contro i finnici, andò a segno a soli 19 anni, risultando secondo alle spalle di Bruno Nicolè tra i più giovani marcatori della storia della nazionale maggiore. Il ct ha anche richiamato Balotelli, ma al momento è fuori dal giro. Il giocatore spera di rientrarci attraverso il  Brescia. Altra mission del ct è quello di fare la partita, basta con gli atteggiamenti conservativi. Nelle sei gare verso Euro 2020, la sua Italia ha segnato 18 reti, incassandone 3.

Q.G.