Juventus, una panchina di lusso: 11 fenomeni come riserve

Paulo Dybala e Mario Mandzukic Juventus (Getty Images)
Paulo Dybala e Mario Mandzukic Juventus (Getty Images)

Esuberi non venduti e riserve in cerca di un posto in squadra: la nuova Juventus targata Maurizio Sarri può vantare due squadre di top player

La sessione estiva di calciomercato è ormai alle spalle, la Juventus come ogni anno è riuscita a rinforzare la propria rosa con innesti importanti. Ma il problema della società bianconera è stato uno: vendere. L’arrivo di molti giocatori a Torino considerati utili agli schemi di Maurizio Sarri, ha portato altri ai margini della squadra. Calciatori che lo scorso anno erano considerati fondamentali come Matuidi, fedelissimo dell’ex mister Allegri, Dybala o Mandzukic, quest’anno sono considerati riserve. In totale ci si potrebbe allestire una nuova squadra con titolari che farebbero invidia con i giocatori seduti sulla panchina bianconera. scopriamo chi sono

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Juventus, da Matuidi a Dybala: le riserve formano una panchina stellare

Se si potesse iscrivere una Juventus B in campionato, probabilmente anche quella lotterebbe per le prime posizioni. Come riporta La Gazzetta dello Sport, le riserve bianconere potrebbero schierarsi con un 4-3-3. In porta Buffon, che non ha di certo bisogno di referenze. Difesa a quattro formata da Demiral e Rugani, il secondo è stato vicino all’addio nonostante fosse un pupillo di Sarri. Fasce occupate da Danilo, arrivato al posto di Cancelo dal City, e Cuadrado. Centrocampo con Emre Can, Matuidi e Bentancur. I tre in attacco sarebbero Bernardeschi, Dybala e Mandzukic, con gli ultimi due rimasti a Torino dopo aver rifiutato diverse destinazioni, ed il croato come Can fuori dalla lista Champions. Tre giocatori che lì davanti sarebbero titolari nella maggior parte delle squadre nel nostro campionato, se non in tutte. Una panchina del genere da la possibilità al mister di avere molta scelta e gestire bene le energie dei titolarissimi. Ma la troppa concorrenza potrebbe causare molti malumori e creare problemi a lungo andare

M.D.