Roma, Pastore: anche questo non è il tuo anno. Il ritorno in patria è alle porte

Con i tanti infortuni occorsi alla Roma, Javier Pastore è tornato a far parte del progetto giallorosso, ma non è escluso il ritorno in Argentina.

Pastore Roma
(Getty Images)

Con i tanti infortuni accorsi alla Roma, Javier Pastore è tornato inevitabilmente al centro del progetto giallorosso. Fonseca infatti lo ha schierato dal primo minuto contro il Milan ed anche stasera partirà tra gli undici titolari nella trasferta di Udine. Contro i rossoneri ha sfiorato anche la rete, ma si è fatto ipnotizzare da Donnarumma una volta a tu per tu con l’estremo difensore. In una stagione che per lui doveva essere cruciale, l’argentino non sta però riuscendo ad esprimersi al meglio.

Leggi anche —> Udinese-Roma, streaming, info tv e probabili formazioni

Pastore, Fonseca prova a rigenerarlo

Da quando è tornato in Italia, Pastore non ha mai realmente convinto. Lo scorso anno è partito bene con il gol di tacco siglato all’Atalanta. Poi buio totale, solo qualche spunto che a nulla è però servito per portare la Roma in Champions League. Tante prestazioni incolori, tante anche le panchine e tanta la frustrazione. Il nuovo tecnico Fonseca ha provato a rigenerarlo affinché il suo talento non fosse sprecato nella capitale. L’avvio di stagione non è però facile per l’ex Palermo, che tra Genoa, Lazio e Sassuolo totalizza solo un tempo di gioco. Poi le panchine, dettate anche da qualche problema fisico ed una presenza più costante solo in Europa League, dove parte titolare in tutte le gare giocate.

Per tutte le ultime notizie sul mercato CLICCA QUI!

L’esordio dal primo minuto in campionato arriva nella trasferta di Marassi, dopo la pausa delle nazionali. Partita incolore da parte sua e della Roma, con un pareggio ad occhiali che a nulla serve per la classifica. Poi sette giorni dopo il match col Milan. Pastore parte bene, gioca qualche buon pallone per la torre Dzeko e sulla fascia sembra poter offrire un’ottima prestazione. Col passare dei minuti però la qualità della sua gara cala e nonostante giochi tutta la partita, non offre una prova convincente.

Nel frattempo rimbalzano le voci di mercato sul suo futuro. Secondo il ‘Corriere dello Sport’ il calciatore potrebbe infatti tornare in patria alla fine della stagione. Ed una volta in Argentina, firmerebbe per il Talleres, squadra dove ha confessato ad una radio argentina di voler giocare prima del ritiro. Non bisogna scordare che El Flaco alla fine di questo campionato avrà 31 anni e con i vari acciacchi che lo hanno infastidito nelle ultime stagioni, un ritorno in patria non è per nulla da escludere.