Calciomercato/ Il pagellone: ecco i voti delle Big dopo un mese di trattative

Mattia Destro (Getty Images)

CALCIOMERCATO SERIE A LE PAGELLE DEL PRIMO MESE DI MERCATO DELLE BIG/ Roma – Oggi, primo Agosto, inizia ufficialmente la seconda parte del calciomercato estivo 2012. Negli ultimi anni abbiamo imparato che i veri e proprio “botti” si fanno negli ultimi 2-3 giorni, alle volte a dire il vero nelle ultime 2-3 ore, ma già dopo questi primi 31 giorni si può iniziare a tirare le somme per quanto fatto dalle principali Big del nostro campionato: Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Roma ed Udinese.

Inter: I nerazzurri, per prepararsi al Fair Play finanziario, hanno iniziato in questa sessione con l’obbiettivo principale di scrollarsi di dosso alcuni contratti pesanti, sostituendo i ceduti con giovani dalle indubbie qualità. Sebbene in questo ultimo mese verrà sicuramente rinforzato l’attacco, vista anche la probabilissima cessione di Pazzini, il riscatto di Guarin, uniti ai ritorni di Jonathan, Mariga e Coutinho, uniti agli acquisti di Palacio, Handanovic, Silvestre e Mudingay, hanno reso l’Inter una squadra sicuramente migliore di quella della passata stagione, quella in cui Forlan ha passato più tempo in infermeria che in campo, Zarate ha scaldato la panchina e Palombo ha camminato di più per andare a firmare il contratto che sui campi da gioco. Voto: 7

Juventus: Iniziamo subito con l’annunciarVi che sono proprio i bianconeri i re del mercato, nonostante la partenza di Del Piero infatti, tutti i protagonisti della scorsa stagione sono stati confermati, altre 10 pedine sono state cedute, o svincolate, ed all’indiscussa dominatrice della passata stagione, si sono uniti Lucio, Isla, Asamoah e Giovinco. C’è ben poco d’altro da dire a proposito. Voto: 9

Lazio: Il presidente Lotito qualche mese fa disse: “Porterò alla Lazio 4 campioni”. È sempre meglio evitare questi proclama, a meno che non si hanno i soldi di uno sceicco, i tifosi biancocelesti sono infatti in subbuglio visti gli unici acquisti, per ora, di Ederson, e della seconda metà di Candreva. Troppo poco per una squadra che ha sfiorato la Champions League nelle due ultime stagioni, alla quale basterebbero veramente pochissimi altri innesti per poter lottare attivamente per il podio. Voto: 5

Milan: Parlando di Juventus avevamo subito svelato le carte in tavola, proclamandola immediatamente la regina indiscussa, almeno per ora, di questa sessione di mercato, riserveremo ai rossoneri lo stesso trattamento (per non incappare nelle ire di Galliani!), dicendoVi sin da subito che se le cose non dovesse cambiare in maniera importantissima, il quarto posto sarebbe un mezzo miracolo per questo Milan, autore fino ad ora del peggior mercato di tutta la Serie A. In questi giorni i tifosi pensano solamente alle cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva, ma quando un reparto passa dall’avere il brasiliano e Nesta, al dover schierare la coppia MexesAcerbi, quando un altro passa dal trio Van BommellSeedorfAquilani a quello TraorèConstantMontolivo, e davanti oltre al giovanissimo El Shaarawy può annoverare solamente il fragilissimo Pato, l’appesantito Cassano e l’abulico Robinho, è chiaro che gli obbiettivi finali siano ben diversi dalle ultime stagioni. L’accoppiata Berlusconi-Galliani ha sempre abituato molto bene i suoi tifosi, soprattutto nelle ultime 48 ore di Agosto, noi speriamo per loro che ciò riaccada anche in questo 2012 di crisi economica, ma fino a quel momento… Voto: 3

Napoli: Un tifoso poco attento potrebbe pensare ad una bocciatura del mercato Azzurro fermandosi alla sola cessione di Ezequiel Lavezzi, ma le cose, secondo il nostro modesto avviso, sono molto diverse. Tenere un giocatore scontento, con la testa altrove, può portare solamente a prestazioni sottotono ed ad uno svalutarsi del suo cartellino, ecco perché secondo noi, Insigne, Behrami e Gamberini portano il conto “acquisti-cessioni” in positivo. L’ex Pescara ha già dimostrato in amichevole contro il Bayer Leverkusen di che pasta sia fatto mentre l’ex capitano della Fiorentina potrà far rifiatare un reparto che, con i soli Campagnaro, Britos e Cannavaro, dei quali nessuno è più di “primo pelo”, avrebbe potuto soffrire molto l’ennesima intensa stagione; Beherami poi è un vero e proprio jolly capace di dare l’intensità tanto cara a Mazzarri, in quasi tutto il rettangolo di gioco. Con l’arrivo di un esterno capace di farsi tutta la fascia il voto salirà di almeno mezzo punto. Voto: 7,5

Roma: La passata stagione Baldini e Sabatini hanno portato a Roma, José Angel e Kjaer a parte, la qualità, questa estate invece, anche a causa dell’arrivo di Zeman (che aggiunge mezzo voto al computo finale del mercato giallorosso), hanno farcito un impianto già buono, scempiato da Luis Enrique, della quantità necessaria per fare bene in Serie A. Marquinho è stato riscattato, Florenzi è tornato alla base, Bradley ha portato muscoli e Tachtsidis potrà farsi le ossa in attesa di reggere da solo il centrocampo giallorosso. Davanti in questa stagione Nico Lopez dirà certamente la sua, dopo aver fatto faville in Primavera negli ultimi 6 mesi, e Borini è stato ceduto per poter arrivare a Destro, dopo Balotelli certamente il miglior attaccante italiano in prospettiva, che uniti a Bojan, Osvaldo, Lamela e la sapiente guida di “mamma” Totti formano sicuramente uno degli attacchi più forti in Italia. Il reparto più discusso la passata stagione è stata la difesa? Bene, ecco arrivare il fresco campione di Copa Libertadores Leandro Castan, l’innesto dell’enfant prodigio Romagnoli, Dodò al posto di José Angel (in partenza a breve), Piris a destra e l’ottimo colpo Balzaretti a dare man forte su entrambe le fasce difensive. Voto: 8,5

Udinese: È sempre difficile dare un voto al calciomercato dei friulani, ogni estate infatti il presidente Pozzo cede i pezzi pregiati della sua rosa, e con gli innesti di illustri sconosciuti provenienti dagli angoli più remoti del globo, riescono sempre a restare in alto. Questa stagione sembra però che i bianconeri ci abbiano preso un po’ troppo gusto ad incassare, e non possono passare inosservate le partenze di gente come Handanovic, Cuadrado, Isla ed Asamoah, anche perché se davanti Muriel aiuterà molto più di Torje Di Natale, bisognerà valutare sul campo se i vari Willians, Beleck, Charà, Heurteaux, Pawlowski, Maicosuel ed Allan faranno dimenticare i giocatori venuti prima di loro al Friuli. In attesa dei Preliminari di Champions o di qualche colpo a sorpresa, questo è il voto per ora: 6.

SE HAI UN ACCOUNT TWITTER, DIVENTA FOLLOWER DI CALCIOMERCATOWEB.IT PER INTERAGIRE E NON PERDERTI LE NUOVE INIZIATIVE CHE STIAMO STUDIANDO PER IL MERCATO