Tifoso ferito/ Dirigente Digos in conferenza stampa: “D.D.S. arrestato per rissa e tentato omicidio”

calciomercato » Calciomercato Napoli » Tifoso ferito/ Dirigente Digos in conferenza stampa: “D.D.S. arrestato per rissa e tentato omicidio”
domenica, 4th maggio, 2014
TIFOSO FERITO DIRIGENTE DIGOS IN CONFERENZA STAMPA DDS ARRESTATO PER RISSA E TENTATO OMICIDIO/ Roma- Diego Parente, dirigente della Digos intervenuto in conferenza stampa in Questura, ha provato a spiegare quanto accaduto ieri fuori dallo stadio Olimpico prima della Finale di Coppa Italia fra Napoli e Fiorentina: “La dinamica è folle e semplice, De Santis lavorava in un circolo ricreativo vicino a Tor Di Quinto. Da lì ha deciso avvicinarsi ai tifosi in transito verso lo stadio e ha lanciato petardi. I napoletani, purtroppo, hanno risposto alle sue provocazioni e ne è nata una rissa. Mentre scappava, De Santis è scivolato, sentendosi minacciato da tifosi a viso coperto e armati di bastoni, ha esploso 4 colpi di arma da fuoco. Dopo l’arma si è inceppata ed è stato malmenato dai tifosi napoletani. La dinamica è questa: lo abbiamo arrestato per rissa e per tentato omicidio”. Arrestati anche i tre tifosi feriti, sempre per rissa. Ma De Santis era solo? “Lo stiamo ricostruendo, dalle immagini in nostro possesso si vede che è solo. Che fosse solo o con altri due, l’unico ad aver agito è lui. Non è stato un attacco organizzato – dice il questore di Roma, Massimo Mazza – Non possiamo entrare nella testa di De Santis. Nei video lo abbiamo visto costeggiare pullman, inveire e lanciare petardi. Uno che provoca e aggredisce, viene rincorso, poi cade e spara. Pensare di poter prevedere un evento del genere, dal punto di vista dell’ordine pubblico, è impossibile. De Santis e’ stato arrestato per rissa e per tentato omicidio, ma nega di aver sparato. Accanto a lui, nella discoteca sequestrata ed ex vivaio, c’era la pistola 7.65 clandestina con matricola abrasa sequestrata dagli agenti. L’ultra’, molto conosciuto negli ambienti del tifo giallorosso, e’ stato trovato a terra privo di sensi, con trauma cranico e una gamba rotta. Anche lui e’ al Gemelli. Tutto rimane un gesto isolato, non della tifoseria della Roma, il D.S. non frequenta lo stadio da anni ormai”.