LAZIO, Reja nega di pensare allo scudetto

calciomercato » Calciomercato Lazio » LAZIO, Reja nega di pensare allo scudetto
lunedì, 25th ottobre, 2010

LAZIO – La sua Lazio continua a vincere ed ora la distanza dall’Inter è di ben quattro lunghezze. Reja tiene i piedi ben saldati al suolo: “La Lazio sta facendo bene, ma lo scudetto non è per noi – dice l’allenatore ai microfoni di Radio anch’io lo sport – I ragazzi si divertono e senza questa unione, questa compattezza non ottieni risultati. Quest’anno abbiamo trovato un equilibrio perfetto tra le gare in casa e fuori, merito soprattutto dei ragazzi, che hanno piacere di giocare. È una grande conquista. Stiamo crescendo, sta arrivando la giusta maturità, ciò non toglie che nei novanta minuti ci siano momenti di sofferenza, ma tanto cuore e questo fa la differenza”.
Sorride Reja quando sente che il suo ex compagno di squadra ai tempi della Spal, Fabio Capello, ha paragonato la sua Lazio con il Verona scudettato di Osvaldo Bagnoli: «Abbiamo un fraseggio diverso rispetto a quel Verona che era una macchina. La nostra dimensione è questa, confrontare il nostro valore con squadre del nostro rango: e poi bisogna guardare la tenuta della squadra almeno fino alla fine del girone d’andata». La forza comunque è nel gruppo: «Io ho una squadra che ha dei valori non solo tecnici ma anche morali: la gente crede in questa squadra e noi abbiamo bisogno di questo supporto. Se c’è la credibilità del tecnico, della squadra a noi fa solo bene. Io sono qui da poco tempo, ma ho visto il presidente Lotito lavorare fino a notte per il bene della Lazio: i risultati non si ottengono solo sul campo, serve un’organizzazione. Ci sono tutte queste componenti: squadra, quelli che non giocano e che contribuiscono tutti i giorni durante gli allenamenti, il presidente: senza questa giusta miscellanea non vinci». Il 7 novembre c’è il derby, con la Roma in piena crisi, ma Reja dribbla la questione: «Io penso al Palermo, che viene prima, e con cui non sono mai riuscito a fare risultato. Spero che stavolta si cambi».

Fonte: Corriere dello Sport