Skriniar-PSG, la mossa di Campos: l’esubero nell’affare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:59

Nuovo possibile scenario nella telenovela Skriniar-PSG: c’è un nuovo nome in ballo. Che potrebbe far gola ai nerazzurri.

Sono ormai settimane che buona parte dei tifosi nerazzurri vivono con ansia e trepidazione le possibili notizie provienenti da Parigi. O da Milano. Ma comunque inerenti il possibile passaggio di Milan Skriniar al PSG. Se fino a prima della firma di Gleison Bremer con la Juve si poteva pensare ad un saldo forse addirittura positivo – o almeno pari – nel dire addio allo slovacco per accogliere il brasiliano, ora i fans della Beneamata hanno paura di restare col cerino in mano.

Milan Skriniar in azione
Milan Skriniar © LaPresse

Lo stesso Ad nerazzurro Beppe Marotta non ha tuttora escluso categoricamente la cessione del difensore. Il tanto atteso – per i media francesi, si intende – rilancio da parte del ds Campos – per arrivare ai 70 milioni chiesti dal dirigente nerazzurro – ancora non è arrivato. Nelle ultime ore però la dirigenza del club parigino ha dato sostanzialmente il benservito ad un altro dei tanti esuberi presenti in rosa. La gesitone Galtier sta rivoluzionando il precedente corso tecnico portato avanti con Pochettino: il difensore può ora essere utilizzato come pedina di scambio – una contropartita parziale – per arrivare a Skriniar.

Assalto a Skriniar, ecco la nuova idea di Campos

Thilo Kehrer Calciomercato
Thilo Kehrer © LaPresse

Come riportato dal portale francese Actu Foot sul suo account Twitter, Thilo Kehrer è stato inserito nella lista degli ‘indesiderati’ da parte della società francese. Con un valore di mercato pari a 22 milioni, ed una buoba duttilità che gli consente anche di essere impiegato, al bisogno, come centrocampista davanti alla difesa, il tedesco può essere molto utile alla causa nerazzurra.

Il PSG potrebbe facilmente proporrre 50 milioni cash più il cartellino dell’ex Schalke 04 per arrivare finalmente a coronare il sogno Skriniar. Simone Inzaghi si troverebbe un difensore affidabile, con grandi motivazioni per tornare ad essere protagonista da titolare indiscusso, e con le casse del club che avrebbero avuto un po’ di respiro. Sarà d’accordo anche Marotta?