Serie A: per quattro big è già vietato sbagliare

Il campionato sta per vivere la sesta giornata. Quattro big devono vincere per non perdere troppo terreno rispetto ai loro obiettivi

Carlo Ancelotti Napoli (Getty Images)
Carlo Ancelotti Napoli (Getty Images)

Siamo solo all’inizio della Serie A, ma un piccolo campanello d’allarme è già scattato. L’Inter vola a punteggio pieno con 2 punti di vantaggio sulla Juventus. Tutto sommato l’Atalanta al momento conferma il terzo posto, sono 4 le big che già accusano ritardi importanti rispetto agli obiettivi prefissati. La situazione più preoccupante è senza dubbio quella del Napoli. Ad inizio stagione Ancelotti è uscito allo scoperto: “Vogliamo vincere lo scudetto”, il proclama del tecnico. Al momento i partenopei sono quarti, con sei punti di ritardo dalla vetta nerazzurra, frutto del ko nello scontro diretto con la Juventus e del tonfo casalingo con il Cagliari. Domani al San Paolo è obbligatorio battere il Brescia. La Roma di Fonseca stenta a decollare, con tanti giocatori nuovi e l’incognita del modulo. Al momento fuori dall’Europa con 8 punti, per non perde ulteriore terreno i giallorossi domani devono espugnare il campo del Lecce, avversario che evoca brutti ricordi.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Serie A, Lazio e Milan  a caccia del riscatto

Leggi anche – Milan, per l’attacco si guarda in casa Napoli: nel mirino due giocatori

Alla squadra di Inzaghi, contro l‘Inter non è bastata una bella prestazione per evitare la seconda sconfitta stagionale. Ad inizio stagione la Lazio era data come favorita per la corsa al quarto posto, ora è nona con soli 7 punti raccolti. Domani in casa contro il Genoa è necessario il bottino pieno per evitare di staccarsi troppo dal treno europeo. E’ già ad un bivio importante il Milan, in particolare Giampaolo. Per il tecnico saranno decisivi i prossimi due impegni, ma un’altra sconfitta domani con la Fiorentina dell’ex Montella potrebbe accelerare i tempi dell’esonero. Tanti i giovani rispetto alla squadra che lo scorso anno sfiorò la qualificazione alla Champions League, ma con 6 punti in 5 gare ci sono poche attenuanti.

Q.G.