Calciomercato Serie A, le pagelle delle big

La sessione estiva del mercato si è chiusa ieri. L’Inter merita il ruolo di regina davanti alla Juventus. Poi il Napoli

Calciomercato

La sessione estiva del mercato di Serie A ha messo in evidenza Inter e Juventus, un pò  dietro il Napoli. I bianconeri hanno centrato il colpo de Ligt, battendo la concorrenza di top club come Barcellona e Psg. Ottimi gli acquisti a parametro zero di Ramsey e Rabiot. Le cessioni di Kean e Cancelo hanno prodotto importanti plusvalenze, come del resto quella di Spinazzola. Demiral è un giovane di grandi promesse per la difesa, tanto più dopo l’infortunio di Chiellini. Restano però gli esuberi e in questo senso dovrà essere bravo Sarri nella gestione della rosa, anche se alla fine tutti potrebbero rivelarsi utili per competere su ogni fronte. 7,5.

L’Inter merita la leadership del mercato. Intanto ha “bonificato” la rosa, cedendo tre giocatori non desiderati. Nainggolan, Perisic e soprattutto Icardi, venduto sul filo di lana al Psg, evitando quindi di darlo ai rivali bianconeri e di fatto cancellando la causa per mobbing dello stesso giocatore. Sul fronte delle entrate, Godin  a parametro zero, Lukaku dopo aver battuto la concorrenza della stessa Juventus, e  Sanchez. Sensi e Barella sono due giovani importanti per il centrocampo, reparto in cui forse manca il giocatore di livello internazionale che aveva chiesto Conte, per molti il vero colpo del mercato di Marotta. 8.

Il Napoli ha rafforzato in maniera importante la rosa.  Manolas è una certezza in difesa, anche se ha deluso nelle prime due gare di campionato, Di Lorenzo altro elemento affidabile del reparto arretrato, in cui è rimasto Koulibaly. Lozano è un attaccante di assoluto valore, come l’esperto  Llorente. Ai partenopei però non è riuscito il colpo Icardi, che ha rifiutato l’offerta del patron De Laurentiis. 7.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Calciomercato Serie A: le pagelle di Atalanta, Lazio,  Roma e Milan

Se i primi tre posti sembrano assegnati, per la quarta piazza si profila una bagarre. I bergamaschi si sono rinforzati per confermarsi ad alti livelli. Dal Siviglia sono arrivati Muriel, Arana, Kjaer, Malinovskyi, mentre Skrtel è andato via dopo alcuni giorni dal suo arrivo. Nota positiva, nessun big ceduto, unica partenza rilevante Mancini alla Roma. 6,5.

La Lazio ha fatto un mercato mirato. Lazzari è il giocatore che serviva a Inzaghi, mentre sono da valutare Vavro, Anderson, Jony e Adekanye, al momento riserve.  Forse servivano un difensore e un attaccante. Da sottolineare però la permanenza di due big, Milinkovic-Savic e Luis Alberto, dopo essere stati sul mercato. 6,5.

La Roma ha ceduto due pezzi importanti come Manolas e El Shaarawy, a fronte di tanti arrivi: dagli esperti Smalling,  Mkhitarian, Kalinic al portiere Lopez, a Diawara e Veretout. Tutti elementi da inserire nello scacchiere tattico di Fonseca. Fondamentale la permanenza di Dzeko, che sembrava destinato all’Inter, rimasto anche per il rifiuto di Higuain di trasferirsi nella Capitale. 6,5.

Il Milan ha chiuso in extremis per Rebic, ma non è certo che possa bastare. Restano le incertezze di una squadra molto giovane, che dovrà essere plasmata dal neo tecnico Giampaolo, non abituato a certi palcoscenici. 6-.

Q.G.