Calciomercato Juventus, l’agente di Rugani: “Vicino alla Roma, ecco la verità”

Sul calciomercato la Juventus ha trattenuto Rugani, che non è andato alla Roma. L’agente del difensore racconta il retroscena della trattativa

Calciomercato Juventus agente Rugani Roma
Daniele Rugani Juventus (Getty Images)

Dopo lunghi mesi di trattative e di voci su una più che probabile partenza da Torino, alla fine Daniele Rugani è rimasto alla Juventus. Il difensore classe 1994, in questo calciomercato che si è concluso ieri, è stato vicinissimo ad approdare alla Roma, alla ricerca di giocatore in quel ruolo, che però alla fine ha virato su altre piste (Smalling e Cetin). Con l‘infortunio di Chiellini, che si è rotto il crociato del ginocchio destro, gli spazi potrebbero aumentare per l’ex Empoli, che non è mai stato un titolare dal suo arrivo in bianconero nel 2015.

Calciomercato Juventus, parla l’agente di Rugani: “Vicino alla Roma ma…”

Sul mancato trasferimento di Rugani è intervenuto l’agente Davide Torchia che, intervistato dai colleghi di ‘Calciomercato.it’ ha affermato: “Non è un segreto: la squadra con cui siamo stati più vicini è la Roma. C’erano altre soluzioni, anche all’estero. I giallorossi, non per questioni tecniche ma per altro dove non entro nel merito, non è andata poi avanti. E’ questa tutta la verità”

Per tutte le notizie più importanti sul calciomercato della Juventus CLICCA QUI!

Per Rugani, dunque, si prospetta forse una nuova rinascita in bianconero: “La Juventus ha sempre avuto fiducia nel ragazzo e sarebbe stato un trasferimento non a cuor leggero. Alla fine credo che alla Juve siano rimasti contenti che sia finita così, al netto ovviamente dell’infortunio di Chiellini che non vorremmo mai augurare a nessuno. Rugani ha giocato una media del 40% delle partite della Juve, solo sette giocatori superano il 50% l’anno – ha proseguito Torchia – E l’ha fatto quattro anni fa arrivando a 21anni a Torino e dove ha trovato Chiellini, Bonucci e Barzagli, ovvero tre tra i più forti difensori d’Europa. Perciò, anche adesso con Sarri in panchina, accetterà la stessa concorrenza”