Milan, Giampaolo si affida a Romagnoli per il rilancio dei rossoneri

Alessio Romagnoli dovrà prendere per mano il Milan nel tentativo di riportarlo in Champions League: Giampaolo conta sul suo capitano

Alessio Romagnoli Milan (Getty Images)
Alessio Romagnoli Milan (Getty Images)

Il nuovo Milan riparte da Alessio Romagnoli. Il capitano è l’uomo a cui si affiderà il tecnico Giampaolo. Il difensore romano sta per iniziare la quinta stagione con i rossoneri, seconda con la fascia al braccio, ereditata lo scorso anno da Bonucci, a soli 23 anni, diventando il secondo più giovane nella storia milanista ad indossarla dopo Franco Baresi. L’ex Roma ha suonato la carica durante un incontro con i tifosi a Boston, dove il Milan è in tournée: “Siamo un gruppo giovane, ci vorrà un po’ di tempo per assimilare tutti i concetti, ma dovremo fare di tutto per andare a prenderci quel quarto posto. Per noi è d’obbligo”. Il Milan ha dimostrato subito dopo la fine del campionato, di far ruotare il suo progetto intorno a questo ragazzo, scongiurando la cessione che avrebbe prodotto una plusvalenza importante.

Leggi anche —–> Milan, accelerata per un colpo in difesa: arriva dal Brasile

Romagnoli, difensore che ha bruciato le tappe nel Milan

Il 24enne nato ad Anzio sbarca a Milanello nel 2015 dopo la scadenza del prestito alla Sampdoria. Nelle casse della Roma vanno 25 milioni di euro. Tifoso della Lazio, sceglie la maglia numero 13 in onore del suo idolo Nesta, al quale spesso viene accostato per l’eleganza, l’anticipo e la rapidità nei movimenti. In passato ha giocato da terzino sinistro, ma Romagnoli è un centrale dotato di ottima tecnica, ma allo stesso tempo è bravo nel proteggere la palla. Spesso prezioso in fase offensiva come assist man.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

L’esordio con la maglia rossonera avviene a 20 anni, in Coppa Italia contro il Perugia. Nella stagione successiva arriva anche il primo gol con il Diavolo, ancora in Tim Cup, stavolta in semifinale. Con il Milan finora ha totalizzato 152 presenze, realizzando 7 gol e conquistando il suo primo trofeo da professionista, la Supercoppa Italiana a Doha nel 2016 contro la Juventus.