Milan, con Theo Hernandez addii a sinistra: la situazione

Milan, tra le fila del Real Madrid piace anche Theo Hernandez. Con l’eventuale arrivo del francese, possibile la partenza di almeno uno tra Strinic, Laxalt e Rodriguez.

Theo Hernandez (Getty Images)

Il Milan punta Theo Hernandez. Il difensore francese, che ha disputato l’ultima stagione alla Real Sociedad, è il nuovo nome finito nel mirino dei rossoneri. Dopo il viaggio a Madrid da parte di Maldini e Boban, il club meneghino sta valutando alcuni profili in uscita dalla squadra spagnola, in particolare il centrocampista Dani Ceballos. Ma oltre a lui ecco spuntare anche Hernandez, che ad Ibiza ha incontrato proprio Maldini.

Milan, in Hernandez: chi fuori?

Il giocatore francese rientrerebbe a pieno tra i profili dettati dalla proprietà: giovani da valorizzare e far crescere all’interno del club. L’ex Atletico Madrid è in uscita e il Milan spera nell’acquisto in prestito con diritto di riscatto, ma attenzione anche alla concorrenza tedesca. Se però l’affare Hernandez dovesse andare in porto, la società sarà certamente costretta a cedere almeno un terzino sinistro. In rosa ci sono infatti Strinic, Laxalt e Rodriguez: almeno uno dovrà partire.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Con l’eventuale acquisto del 22enne francese, le chance da titolare per Ricardo Rodriguez diminuirebbero. Lo svizzero, che non ha particolarmente convinto in queste due annate, ha diversi estimatori: dalla Fiorentina di Montella a diversi club in Bundesliga, fino al Monaco. Il Milan però vorrebbe guadagnare da una sua cessione e potrebbe chiedere almeno 20 milioni di euro. Una plusvalenza i rossoneri la ricaverebbero certamente dalla cessione di Strinic, arrivato a costo zero lo scorso anno e a lungo fermo per problemi cardiaci. Il croato però ha già avuto modo di lavorare con Giampaolo e una sua permanenza potrebbe dipendere proprio dal tecnico. Anche il futuro di Laxalt appare in dubbio: l’uruguayano piace molto soprattutto a Torino ed Atalanta, ma il Milan non vorrebbe cederlo ad una cifra inferiore ai 18 milioni di euro.

A.G.