Inter, come cambia l’attacco con Conte: gli obiettivi per l’estate

Area di grande cambiamento in casa Inter, con diversi protagonisti di questa stagione a rischio addio. In attacco potrebbe attuarsi una vera e propria rivoluzione: i possibili scenari

Calciomercato Inter
Perisic ©Getty Images

Antonio Conte, ormai vicinissimo all’ufficialità di nuovo allenatore dell’Inter, è pronto a cambiare pelle alla rosa nerazzurra. In particolar modo, a vivere uno stravolgimento, potrebbe essere l’attacco con molti profili pronti a partire: tutto quello che potrebbe accadere la prossima estate.

Leggi anche —–>  Inter, con Conte cambia il centrocampo: idea Sissoko

Inter, l’attacco può perderne quattro: il piano di Marotta

Il club nerazzurro rischia di cambiare tanto, specialmente in attacco, in vista della prossima stagione. Con Inter-Empoli come ultimo ostacolo per il club di Zhang per un posto Champions, il focus passa dal campo al mercato. Sugli esterni, Antonio Candreva potrebbe volare in Cina. Già vicino all’addio lo scorso gennaio, l’ex Lazio ha il contratto in scadenza nel 2021 e viene valutato circa 10 milioni dall’Inter. Matteo Politano pare essere uno dei pochi a poter contare sulla riconferma, dopo una stagione abbastanza positiva con il club meneghino. Discorso agli opposti per Keita Baldè, troppo discontinuo e con una cifra per il riscatto (35 milioni) considerata eccessiva dalla dirigenza interista. Ivan Perisic, si sa, piace tanto al Manchester United. I ‘Red Devils‘, sin dalla scorsa estate, hanno tentato il croato che potrebbe finalmente approdare in Premier League.

Per tutte le ultime notizie sul mercato dell’Inter CLICCA QUI!

Il cartellino dell’ex Wolfsburg si aggira intorno ai 35-40 milioni di euro, cifra alla portata del top club inglese. Infine Mauro Icardi, la cui partenza da Appiano Gentile pare sempre più scontata. Corteggiato in Italia dalla Juventus e all’estero da Real Madrid ed Atletico Madrid, l’ex capitano nerazzurro vorrebbe cambiare aria. Costo dell’operazione non meno di 70 milioni di euro. In entrata, proprio come erede di Icardi, restano valide le candidature di Lukaku (pupillo di Conte) e Dzeko. Nel 3-4-3 (all’occorrenza 3-5-2) del tecnico pugliese, troverebbero spazio due esterni. Piacciono da tempo Thauvin del Marsiglia e Chiesa della Fiorentina, sul quale c’è il forte pressing della Juventus. Mercato in divenire, quindi, per l’Inter del futuro. Con Conte e Marotta in cabina di regia.

S.C