Calciomercato Inter e Roma, Jovic riscattato dall’Eintracht: come cambia la situazione

L’Eintracht ha ufficialmente riscattato Luka Jovic da Benfica. L’attaccante serbo era in prestito dal club portoghese e i tedeschi hanno esercitato l’opzione di riscatto. Su di lui c’erano anche Inter e Roma tra le italiane. 

Jovic Calciomercato Roma
Jovic (Getty Images)  

Ben 25 reti in 40 apparizioni stagionali per il giovane Luka Jovic che da ormai diversi mesi è finito nel mirino di alcuni tra i top club europei. Su di lui oltre al Barcellona favoritissimo si era parlato anche di accostamenti ad Inter e Roma in Serie A, ostacolate però dalla folta concorrenza e da un prezzo elevatissimo che farà l’Eintracht Francoforte. La svolta è arrivata nel pomeriggio di oggi, con il club teutonico che con una nota sul proprio sito ufficiale ha reso noto il riscatto di Jovic dal Benfica, società che ne deteneva il cartellino. Il Francoforte ha esercitato l’opzione di riscatto per il serbo classe 1997, versando una cifra vicina ai 10 milioni di euro nelle casse dei lusitani e e vincolando il giocatore con un contratto sino al 2023. Da questo momento in poi sarà quindi l’Eintracht ad avere il controllo del calciatore in vista della prossima estate di calciomercato, quando dovrebbero arrivare proposte importanti.

Leggi anche –> Calciomercato Roma, da Biraghi a Veretout: quanti intrecci con la Fiorentina

Calciomercato Inter e Roma, concorrenza per Jovic

Sul sito dell’Eintracht sono arrivate anche le parole in merito di Fredi Bobic, ds del club: L’avventura di Luka con noi è molto piacevole. Per noi non c’era dubbio nel volerlo legarlo saldamente al club. È un giocatore con abilità straordinarie. Per noi è importante averlo legato al club”.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Jovic è quindi sotto il controllo dell’Eintracht Francoforte che difficilmente lo lascerà andare la prossima estate per meno di 50/60 milioni di euro. Cifre forse proibitive per i club italiani, ma accessibili per il Barcellona che da tempo sembra in vantaggio sul ’97 serbo.

G.B.