Calciomercato, occasione Mata per la trequarti: idea per Juventus e Inter

Calciomercato, occasione Mata per la trequarti: idea per Juventus e Inter

Juan Mata Calciomercato Juventus Inter
Juan Mata (Getty Images)

La Juventus e l’Inter sono in cerca di un rinforzo a centrocampo che possa garantire estro e qualità. Una possibilità potrebbe essere legata a Mata, in scadenza con lo United

La Juventus e l’Inter sono club molto attivi sul mercato. Dopo aver chiuso l’operazione con l’Arsenal con Ramsey, i bianconeri sono alla ricerca di un altro rinforzo in grado di dare brillantezza e brio sulla trequarti. Anche i nerazzurri potrebbero tornare a investire in quella parte del campo, visti i rendimenti finora sotto alle aspettative, di Joao Mario e di Nainggolan. Una possibilità potrebbe provenire dalla Premier League, sponda United. I Red Devils infatti potrebbero dover salutare a giugno una loro importante pedina.

Per tutte le notizie di giornata CLICCA QUI!

Calciomercato, Juan Mata è in scadenza: occasione per Inter e Juventus

Il Manchester United potrebbe dire addio a Juan Mata al termine di questa stagione. Il trequartista spagnolo ha un contratto che scadrà il prossimo giugno, momento in cui potrà accordarsi con una nuova squadra. Per evitare di perdere a zero il proprio tassello, la squadra inglese potrebbe esercitare una clausola per allungare di un anno l’accordo. Secondo quanto riportato dal portale ‘Fichajes.net’, il calciatore sarebbe finito nel mirino di diversi club importanti europei. Al momento la squadra che sembra più sensibile al classe ’88 è il Valcencia che lo riaccoglierebbe molto volentieri dopo le quattro stagioni vissute tra il 2007 e il 2011.

In Italia il calciatore potrebbe decisamente far comodo a Inter e Juventus, i quali si assicurerebbero, a parametro zero, un elemento di grandissima esperienza, dotato di un tasso tecnico sopra alla media e con una carta di identità non eccessivamente importante (30 anni). Un elemento da tenere in considerazione riguarderà però l’eventuale stipendio da assicurargli, attualmente oltre gli 8 milioni di euro annui.