Samir Handanovic © Getty Images

Samir Handanovic è uno dei protagonisti di questo avvio di stagione, ma considerata l’età sembra che la dirigenza nerazzurra stia valutando alcuni giovani portieri

L’Inter si è resa protagonista di un ottimo avvio di stagione, anche se le prime gara erano risultate molto deludenti. I nerazzurri avevano conquistato solo 4 punti nelle prime 4 gare, poi è arrivata la scossa con ben 7 vittorie consecutive che li ha rilanciati sino al secondo posto alle spalle della Juventus. L’obiettivo della squadra è quello di conquistare più punti possibili per cercare di insidiare la capolista che sino ad ora è apparsa imbattibile, avendo lasciato per strada solo due punti in undici turni di campionato. A contribuire a questa scalata è stato anche il portiere Samir Handanovic, autore di prestazioni degne di nota. La dirigenza del Biscione non vuole privarsi del portierone sloveno, dato il suo rendimento e la sua importanza, ma considerata la sua età (34 anni) si stanno valutando ipotesi per il futuro.

Il suo ‘vice’ Padelli (classe ’85) non è giovanissimo, quindi è possibile che presto si inizi a scandagliare il calciomercato per trovare un degno sostituto a quello che in questo momento è fra i principali baluardi di una squadra ritrovata, in campionato e anche in Champions League.

Calciomercato Inter, da Lafont a Gollini: i nomi per il dopo-Handanovic

Calciomercato Juventus
Alban Lafont ©Getty Images

Il contratto di Samir Handanovic scade a giugno nel 2021 e l’Inter vuole farsi trovare pronta nel caso non venisse rinnovato. Il direttore sportivo Piero Ausilio sta quindi esaminando i profili di alcuni portieri giovani che possano fare al caso della squadra. I nomi in questione sono tutti di età compresa tra i 19 ed i 25 anni. C’è chi potrebbe raccogliere fin da subito l’eredità dello sloveno, come Alphonse Areola. Classe 1993, nel Paris Saint-Germain si gioca il posto con Buffon e spesso ne esce vincitore, quindi sembra avere già tutte le carte in regola per prendere sulle spalle un ruolo difficile come quello di numero 1 dell’Inter. Futuribile, ma potenzialmente utile anche nell’immediato, è l’estremo difensore della Fiorentina Alban Lafont. Che ha 19 anni, è vero, ma in queste prime uscite in maglia viola sta dimostrando di poter tranquillamente indossare i guantoni ad alti livelli senza timori reverenziali, ma probabilmente non direbbe di no ad una stagione da comprimario per carpire ad Handanovic alcuni utili trucchi del mestiere.

Per finire ci sono portieri italiani di sicuro affidamento, ai quali magari non farebbe male una stagione all’ombra dello stesso Handanovic: in particolare Alessio Cragno del Cagliari e Pierluigi Gollini, in forza all’Atalanta.

Inter, Handonovic: un rendimento super, il migliore d’Europa

Samir Handanovic © Getty Images

Handanovic è ormai da anni un punto fermo dell’Inter che è riuscito sempre a stupire anche quando la squadra non attraversava buoni momenti. Lo sloveno non aveva iniziato al meglio quest’anno rendendosi protagonista di un brutto errore contro il Torino che aveva regalato il gol del 1-2 ai granata. Dopo quell’errore l’estremo difensore nerazzurro è salito in cattedra, un po’ come tutta la formazione di Spalletti, riuscendo a salvare in diverse occasioni la porta. Basta pensare che l’Inter è seconda squadra della Serie A ad aver concesso più occasioni da rete e gol subiti. Dopo il pareggio interno con il Torino, Handanovic ha mantenuto inviolata la sua porta in ben 5 gare su 7 a cui si aggiunge il match conto il Bologna nella terza giornata. Sono dunque 6 i clean sheet per il portiere dell’Inter sino a questo momento, il migliore della Serie A.

A questo dato si aggiunge quello delle parate fatte dal numero uno della società milanese, riportato dalla redazione de La Gazzetta dello Sport. Il quotidiano sportivo scrive che Handanovic è il migliore portiere in assoluto nel rapporto tra parate effettuate e gol subiti: 83,33%, ovvero meno di due gol incassati ogni 10 tiri in porta.