De Gea (Getty Images)

Le ultime indiscrezioni di calciomercato hanno ipotizzato lo scenario di un possibile approdo in bianconero di uno tra de Gea e Keylor Navas. Le conseguenze che ne scaturirebbero potrebbero portare agli addii di Szczesny e Perin.

Da qualche giorno il tema portieri è tornato di stretta attualità in casa Juventus. La Vecchia Signora sta disputando l’ennesima ottima stagione, trovandosi prima, sia in campionato che nel proprio girone di Champions League. Le ultime indiscrezioni di mercato hanno avvicinato alla difesa della porta bianconera alcuni profili importanti. Tra questi spiccano David de Gea del Manchester United e Keylor Navas del Real Madrid. Entrambi i calciatori, per diversi motivi, risultano in rotta con i propri club e potrebbero decidere di cambiare aria in estate, e di guardare in Serie A.

De Gea potrebbe essere l’ennesimo colpo top per la Juventus. Con un contratto in scadenza nel 2019, lo spagnolo non ha trovato ancora l’intesa per il rinnovo con i Red Devils, i quali rischiano di perderlo a fine stagione a parametro zero. A confermare l’ipotesi bianconera ci sarebbe anche il fattore Jorge Mendes, procuratore del portiere e pronto a portare un altro fuoriclasse a Torino dopo l’operazione Ronaldo.

Anche Navas non sta attraversando un momento tranquillo a Madrid. Chiuso da Courtois, il costaricano ha finora collezionato solo 7 presenze. Troppo poche per uno dei protagonisti indiscussi della cavalcata madrilena alla vittoria della scorsa edizione della Champions League.

Calciomercato Juve, de Gea o Navas in bianconero con Szczesny e Perin in uscita

Keylor Navas (Getty Images)

L’arrivo di uno di questi profili di così alto livello comporterebbe l’addio di Szczesny, che non accetterebbe di tornare a fare il secondo come accaduto nella scorsa stagione dietro a Buffon. Il polacco è attualmente il preferito da Allegri nella difesa della porta bianconera. Il ballottaggio con Perin, ipotizzato quest’estate dopo il suo arrivo dal Genoa nel calciomercato, non c’è veramente mai stato.

L’ex giallorosso ha collezionato finora 13 presenze tra campionato e coppa, lasciando al collega classe ’92 il match vinto dai bianconeri per 2-0 contro il Bologna. I soli 90’ disputati contro i felsinei non sono bastati per acquietare i pensieri dell’estremo difensore di Latina, che si aspettava un minutaggio decisamente maggiore. L’eventuale arrivo di un top player a difendere la porta bianconera complicherebbe ulteriormente le cose e potrebbe spingere anche l’ex Genoa a cercarsi un’altra sistemazione, vista la voglia di giocare da protagonista e la volontà di non perdere la maglia della Nazionale.