Calciomercato Inter, Keita verso il rientro al Monaco: i possibili scenari

Keita Baldé continua a faticare nello scacchiere di Spalletti. Arrivato all’Inter in prestito oneroso con diritto di riscatto, l’ex Lazio rischia di dover fare ritorno al Monaco.

Keita Balde (Getty Images)

L’esperienza all’Inter di Keita Baldé stenta a decollare. L’ex Lazio, arrivato in estate dal Monaco, sta faticando a ritagliarsi uno spazio importante nello scacchiere di Luciano Spalletti pur essendo spesso impiegato come subentrante. Il 4-2-3-1 del tecnico di Certaldo non sembra essere l’ideale per sfruttare la caratteristiche di fascia dell’esterno senegalese, più a suo agio in un modulo quale il 4-3-3 che punta sull’ampiezza dei terreni di gioco piuttosto che la densità in mezzo al campo.

Ciò che più sembra pesare sulla situazione del classe ’95 è la pesante formula con cui è stato acquistato: prestito oneroso a 5 milioni di euro più 35 milioni da esercitare per l’eventuale riscatto. Quaranta milioni appaiono decisamente troppi per un club monitorato dagli organi UEFA all’interno del Financial Fair Play che ancora deve trovare la via del gol. In maglia nerazzurra il 23enne ha finora ottenuto 12 presenze tra campionato e Champions, per un totale di 358’ giocati e un solo assist vincente.

Calciomercato Inter, Keita non convince: le possibili soluzioni

Keita non sta convincendo nella sua esperienza nerazzurra. Con l’Inter che difficilmente eserciterà il diritto di riscatto a meno di clamorosi exploit del calciatore, sono due gli scenari che potrebbero verificarsi il prossimo primo luglio. I milanesi proveranno a chiedere al Monaco un forte ridimensionamento dei termini dell’accordo, magari per una cifra intorno ai 20/25 milioni di euro in totale. Questa possibilità permetterebbe alla squadra del Principato di evitare il rientro di una pedina fortemente svalutata dall’esperienza italiana e di ammortizzare i 30 milioni spesi per acquistarlo dalla Lazio. La possibilità invece più plausibile è che Keita venga piazzato in un’altra realtà. Il problema sarà poi quello di trovare un club che abbia la possibilità di ingaggiare un calciatore extracomunitario e con un prezzo piuttosto elevato.

Keita ha dato il meglio di sé nella stagione 2016/2017 con la maglia di una Lazio guidata da Pioli prima e da Simone Inzaghi poi. In quell’annata ha collezionato 34 apparizioni, realizzando il suo record personale di reti in campionato (16) e confezionando anche 5 assist. La buona stagione gli è valsa il trasferimento al Monaco, con cui ha giocato 33 partite e disputato anche la Champions League. Il bilancio è stato inferiore rispetto al passato ma comunque di tutto rispetto per un esterno: 8 gol, 11 assist e più di 2000’ giocati. Con uno score ancora meno brillante come è quello di questa stagione, appare quindi improbabile una sua permanenza in una squadra in lotta per le posizioni di vertice della Serie A e nel girone di Champions League.