Gonzalo Higuain (Getty Images)

Filippo Galli, ex calciatore e dirigente del Milan, ha detto la sua sull’atteso derby contro l’Inter di domenica sera.

Aria di derby a Milano ed in casa Milan. Filippo Galli, ex difensore e responsabile del settore giovanile rossonero, ha detto la sua sull’atteso derby contro l’Inter di domenica sera. Queste le sue dichiarazioni rilasciate ai microfoni di calciomercato.it.

Milan, Filippo Galli: “Derby con più qualità”

Icardi
Icardi © Getty Images

Con Gonzalo Higuain, il Milan ha indubbiamente ritrovato quel bomber che mancava dai tempi di Ibrahimovic. Assieme ad una rosa puntellata nei dettagli con la nuova dirigenza, i rossoneri hanno una marcia in più rispetto l’anno scorso. L‘Inter, invece, a seguito della qualificazione in Champions ha incrementato il tasso tecnico con investimenti importanti come quello di Nainggolan. Una Milano calcistica che si sta rilanciando. E Filippo Galli l’ha sottolineato.

Filippo Galli, è un Derby qualitativamente più elevato rispetto agli ultimi anni?

“Sicuramente sono due squadre rafforzate, con una struttura differente e con una consapevolezza delle proprie forze di squadra che possono elevare la qualità di questo Derby”.

Il fattore ambientale può incidere nella testa di chi è meno abituato a questi palcoscenici?

“Al di là della giovane età del Milan, quindi di giocatori meno esperti, credo che il clima sportivamente caldo non incida nella testa dei giocatori. È un clima al quale sei abituato se giochi in queste squadre”.

Sarà decisivo il bel gioco del Milan o la malizia di portare a casa partite ‘ingarbugliate’ dell’Inter?

“Non c’è un meglio o peggio per queste partite. Chi gioca meglio, lo dicono i risultati degli altri campionati, vince e quindi prevale sempre l’aspetto del bel gioco. Se giochi un calcio propositivo i risultati arrivano.Lo dice, però, uno che pensa più al gioco che ai risultati…”.

 

Milan, Filippo Galli: “Tra Icardi e Higuain? Non ho dubbi…”

Sfida nella sfida: Icardi contro Higuain.

“Due grandissimi attaccanti. Icardi più uomo d’area di rigore, Higuain cuce il gioco e viene a toccare più palloni. Entrambi sono molto funzionali al gioco delle rispettive squadre”.

Derby bivio per la Champions?

“Troppo presto. Logico, il Derby è capace di dare una spinta dal punto di vista mentale o viceversa. Però è ancora presto per tirare le somme”.

Lo chiediamo anche a lei: Higuain e Cutrone possono giocare insieme?

“Sì, perché no. I giocatori di qualità possono essere schierati insieme. Chiaramente in un modulo di gioco che lo permetta…”.

E’ una difesa del Milan farcita di giovani italiani, che subisce e soprattutto che non vede protagonista Caldara.

“Caldara ha sofferto problemi fisici. Ci sta che parta dietro le gerarchie di Gattuso il quale ha i suoi metodi. Oltre a Romagnoli c’è Calabria che ha avuto una crescita in grado farlo rientrare anche nei ranghi della Nazionale di Mancini”.

Gattuso contro Spalletti è ancora l’allievo contro il maestro?

“Spalletti ha più esperienza, chiaramente, ma Gattuso ha una sua impronta ed entrambi sapranno renderci decisivi e incisivi sulle rispettive squadre”.