Totti
Totti © Getty Images

Parole al veleno quelle di Francesco Totti contro Luciano Spalletti. Nel suo libro “Un Capitano”, da oggi nelle librerie, l’ex numero 10 della Roma racconta, dal suo punto di vista, il burrascoso rapporto con l’allenatore di Certaldo. Ecco un estratto della biografia.

Roma, Totti racconta sul suo libro la lite con Spalletti

“Quando l’ultimo di noi è entrato si chiude la porta alle spalle, sbattendola, e comincia a urlare. Il mio armadietto è il più lontano dall’ingresso, sono accanto a De Rossi e Florenzi, chinato sulle scarpe che mi sto sfilando. Non mi accorgo dell’improvviso silenzio. Quando rialzo la testa trovo la faccia di Spalletti a un centimetro dalla mia. Mi aspettava: “Basta, hai rotto le palle, pretendi di comandare e invece te ne dovresti andare, giochi a carte malgrado i miei divieti, hai chiuso”. Il tutto gridato al massimo volume. E’ l’ultimo litigio tra me e Spalletti, nel senso che perdo le staffe anch’io e ci devono separare in quattro perché altrimenti ce le daremmo di santa ragione. Di lì in poi, chiuso. Recuperata la calma lui va in sala stampa a dire che anche se ho segnato io il merito della rimonta è della squadra”.