Roma/ Savicevic parla di Totti, Del Piero e Jovetic

calciomercato » calciomercato Fiorentina » Roma/ Savicevic parla di Totti, Del Piero e Jovetic
martedì, 18th gennaio, 2011

ROMA SAVICEVIC SU VUCINIC TOTTI DEL PIERO / ROMA – L’ex fantasista Dejan Savicevic, attuale presidente della federazione del Montenegro, sua nazione di nascita, ha rilasciato una bella intervista alla trasmissione ‘A Tutto Campo’, trasmissione radiofonica in onda su Radio IES. Naturalmente l’argomento principale sono i problemi del suo connazionale Mirko Vucinic, in rotta con mister Ranieri: “Non ho sentito Vucinic di recente, spero che, qualora ci fossero, risolva i suoi problemi con allenatore e società quanto prima. Avrà bisogno di un paio di partite per tornare ai livelli dello scorso anno”. L’altro montenegrino che gioca in Italia, Stevan Jovetic, sta per tornare dopo il lungo infortunio: “Ho visto Jovetic una settimana fa, era sereno. Ora è in Germania e dovrebbe rientrare a Firenze intorno al 10 Febbraio per ricominciare ad allenarsi“.

LA CRISI DEI FANTASISTI – Se avesse giocato adesso, Savicevic avrebbe avuto sicuramente più difficoltà nell’affermarsi. Infatti è sempre più trascurato il ruolo del trequartista, soprattutto nel campionato italiano: “I risultati hanno portato gli allenatori a ad adottare schemi che non prevedono un fantasista, a discapito dello spettacolo. I giocatori di fantasia nel calcio moderno devono sacrificarsi e fare un lavoro molto più fisico rispetto al passato. Io stesso qualche volta sono stato impiegato a destra nel 4-4-2″.

TOTTI E DEL PIERO EMIGRINO
– Parlando di fantasisti non poteva mancare il riferimento ai due più grandi talenti italiani degli ultimi dieci anni, Francesco Totti e Alex Del Piero, entrambi ormai indirizzati sul viale del tramonto. Savicevic dà loro un consiglio spassionato: “I giocatori di una certa età, come Totti e Del Piero, dovrebbero forse prendere in considerazione di giocare in campionati più facili, come Stati Uniti e Medio Oriente, per poter mettere in campo la fantasia che li rende dei campioni. Ormai in Italia trovano troppe difficoltà a causa dell’età avanzata”.

Fonte: Calciomercato.it