Calciomercato Napoli/ Esclusivo agente Zapata: “Nessun contatto, italiane in ritardo”

calciomercato » calciomercato Inter » Calciomercato Napoli/ Esclusivo agente Zapata: “Nessun contatto, italiane in ritardo”
lunedì, 27th dicembre, 2010

Getty Images

CALCIOMERCATO NAPOLI ESCLUSIVO AGENTE ZAPATA/ UDINE – E’ di oggi la notizia di un forte ritorno di fiamma del Napoli per Cristian Zapata. Per saperne di più, Calciomercatoweb.it ha intervistato in esclusiva Massimo Italiani, agente del difensore colombiano dell’Udinese. “Non so assolutamente nulla, io non ho alcun tipo di contatto. L’Udinese non ha mai fatto operazioni in uscita così importanti a gennaio. Il calciomercato è imprevedibile, ma le strategie dei friulani di solito sono queste. E’ tanto tempo che si parla di Cristian in chiave mercato, non so da dove escano queste voci, non da noi sicuramente. Lui sta benissimo a Udine, ormai è la sua sesta stagione. A 24 anni ha quasi 150 presenze in Serie A e penso che non abbia bisogno di sponsorizzazioni. Lo considero uno dei migliori difensori in circolazione, soprattutto per il rapporto tra esperienza accumulata ed età.  Per lui è un orgoglio essere il vice-capitano di un giocatore come Di Natale che già rappresenta la storia di questo club. Il giocatore è tranquillo, quando arriverà il momento, farà il grande salto, ma ad oggi non c’è nulla di concreto”. Nelle scorse settimane si è parlato anche di Inter. “Non ho avuto nessun contatto diretto nemmeno con l’Inter. Mi sembra che le big italiane siano in ritardo. Il sogno di giocare in Premier ce l’ha sin da quando era bambino. Lì in Colombia vedono soprattutto il calcio inglese, e la sua passione nasce da quello. Anche dall’Inghilterra giungono molte voci, ma nessun contatto. Ha questo sogno, quando ci sarà qualcosa di concreto, cercheremo di accontentarlo, anche se non si sa mai cosa riserva il mercato”. Battute finali dedicate alle critiche ricevute dal giocatore dopo l’autogol contro la Lazio.  “La piazza si attende che un calciatore non sbagli mai, ma in realtà il più bravo è chi sbaglia di meno. Forse ad Udine sono stati abituati bene, non è che se uno commette due errori all’anno è da condannare. Ho visto la gara con la Lazio e prima di capire chi avesse toccato per ultimo la palla nell’azione dell’autorete ho dovuto guardare diversi replay. E’ stato criticato da alcune emittenti locali perché si è fatto superare una volta di testa in area di rigore, penso che non ci sia molto da commentare. Ognuno vede il calcio come vuole”.