MERCATO JUVENTUS, Pastore erede di Del Piero?

calciomercato » calciomercato Juventus » MERCATO JUVENTUS, Pastore erede di Del Piero?
giovedì, 18th novembre, 2010

MERCATO JUVENTUS PASTORE – Tra i protagonisti di questo avvio di campionato c’è senza Javier Pastore. Il 21enne fantasista argentino sta portando in alto il Palermo con le sue giocate ed i suoi gol (già 7, ndr), attirando l’attenzione dei principali club europei che già la scorsa estate si erano fatti avanti per lui. Il presidente Maurizio Zamparini si gode il talento del ‘Flaco’, pur consapevole di non poterlo trattenere a lungo in Sicilia: “Mentre mi piacerebbe fare, oltre agli interessi del Palermo, anche quelli del ragazzo, a cui sono affezionatissimo – afferma in una intervista a ‘Tuttosport’ il numero uno rosanero in merito al futuro dell’argentino – Fino al termine della stagione giocherà a Palermo. E mi sto muovendo per trovargli un sostituto non altrettanto bravo, perché è impossibile, ma comunque degno”.

Come già dichiarato in passato, le probabilità di una cessione all’estero di Pastore sono molto maggiori rispetto a quelle di vederlo ancora in serie A una volta che lascerà Palermo, ma rimane uno spiraglio: “Mi sembra molto difficile che una società italiana possa mettere a budget la cifra necessaria ad acquistare l’argentino. Però è anche vero che quando non investi, come l’Inter in estate, i risultati si vedono… Juventus? Nessuna preclusione, anche se storicamente a Torino, da buoni piemontesi, sono bravissimi a individuare dei futuri campioni spen­dendo relativamente poco. Penso a Zidane, Ibrahimovic, allo stesso Krasic. Mentre il valore di Pastore è già elevatissimo: 70 mln di euro. Contropartite tecniche? Si, ma non è facile individuarle”. Qual è la posizione ideale di Pastore? “Io penso che lui sia uno straordinario play, da collocare dietro alle punte – prosegue Zamparini – Però è vero che da costruttore di gioco, è stato capace di diventare anche uno straordinario finalizzatore. In questo senso l’analogia con Del Piero mi sembra evidente. L’erede di Alex? Assolutamente sì, entrambi sono dei predestinati. Giocatori destinati a fare sempre la differenza e ancora di più in una grande squadra”.

Fonte: www.calciomercato.it