SAMPDORIA, Comunicato ufficiale: “Vogliamo più rispetto e correttezza”

calciomercato » Calciomercato Sampdoria » SAMPDORIA, Comunicato ufficiale: “Vogliamo più rispetto e correttezza”
mercoledì, 22nd settembre, 2010

SAMPDORIA – L’esclusione di Antonio Cassano dai convocati di Cagliari ha scatenato le malelingue: si è parlato di un duro litigio con capitan Palombo che avrebbe quindi messo fuori dai convocati Fantantonio, ma la realtà è che Cassano è soltatno stanco dopo le 3 gare giocate la scorsa settimana e quindi ha bisogno di riposo. Poco fa sul sito ufficiale della Sampdoria è comparso un lungo comunicato ufficiale: se la società di Garrone ha comunque sopportato le continue voci di mercato estive sui propri gioielli, questa volta non ha potuto accettare e si scaglia contro i giornalisti scorretti. Ecco il comunicato ufficiale:

Appare evidente a tutti quanti noi, a tutti quelli che, come noi, hanno a cuore le sorti della Sampdoria, che quello attuale sia un momento davvero particolare. Sembra di essere ritornati per certi versi all’era gloriosa della Sampd’oro di Paolo Mantovani.

Con il Doria protagonista di prime pagine e copertine, vuoi per i suoi importanti risultati, vuoi per le vicende di “fantamercato” che vedono interessati diversi dei nostri più preziosi beniamini. Tutto bello, tutto logico e tutto comunque concesso. Questo in fondo è il pazzo barnum del calcio. Nulla di nuovo sotto il sole. Un concetto da noi richiamato non più tardi di un mese fa allorquando arrivammo a concederci un sentito richiamo alla coerenza. Poche righe per esprimere al contempo orgoglio e soddisfazione e per “bacchettare” bonariamente chi – con qualche esagerata concessione alla fantasia – aveva nei mesi estivi saccheggiato la rosa della Samp 2010/11 di ogni suo più prezioso avere. Una risposta a chi aveva creato qualche fastidio di troppo, pur non sconfinando dalle “normali” logiche del giornalismo sportivo che contraddistingue questo indecifrabile calcio moderno.

Oggi però, mercoledì 22 settembre 2010, quella linea immaginaria del rispetto e della correttezza è stata decisamente superata. Oggi, mercoledì 22 settembre 2010, il calciatore Antonio Cassano – non convocato per la trasferta di Cagliari – è a Bogliasco, al centro sportivo “Gloriano Mugnaini”, ad allenarsi regolarmente insieme al preparatore atletico Agostino Tibaudi e ai compagni non selezionati per la sfida in terra sarda. Il tutto nel contesto di una normale tabella di lavoro concordata con lo staff tecnico guidato da mister Di Carlo, che – da metà agosto ad oggi – ha visto il calciatore impegnato in ben nove gare ufficiali. Impegni fittissimi che peraltro contraddistingueranno il calendario della Sampdoria da qui alla sosta natalizia. Una normale pausa quindi, alla quale già si sono sottoposti diversi elementi della rosa blucerchiata.

Su qualche quotidiano invece, questa mattina ci tocca amaramente constatare come – per l’ennesima volta – le vicende che vedono coinvolto il calciatore Antonio Cassano, nascondano l’occasione per dilettarsi ad insinuare motivazioni oscure, infide e legate a chissà quale frizione interna con compagni ed allenatore. Con particolare riferimento all’articolo apparso in data odierna su un noto quotidiano, siamo infatti a chiederci a che punto l’esercizio di fantasia varchi il confine della vergogna. Per tutte le questioni legate alla persona sarà il calciatore in questione – tramite i suoi legali – a tutelare la propria immagine nelle sedi che riterrà più opportune. Per quel che ci riguarda, per quel che riguarda la Sampdoria il pensiero può e deve essere soltanto uno: “Avviso ai naviganti: ci stiamo stufando”. E non poco. E scusateci, ma oggi non riusciamo come da nostro costume a dispensare nemmeno una goccia di cordialità.