Mercato Palermo, Zamparini: “Biagianti? Scommetto che non arriverà”

calciomercato » calciomercato Inter » Mercato Palermo, Zamparini: “Biagianti? Scommetto che non arriverà”
mercoledì, 30th giugno, 2010

MILANO – Ferve il mercato del Palermo, soprattutto in uscita. Il presidente del club rosanero, Maurizio Zamparini – contattato telefonicamente da ‘Sky Sport’ – ha fatto il punto sulle situazioni di KjaerCavani. “Il danese è molto vicino al Wolfsburg. Ci è stata fatta un’offerta e stiamo valutando se accettarla. Per quel che riguarda Edison invece, ci sono delle trattative avviate con due club inglesi ed uno tedesco. Gli unici che non abbiamo sentito sono quelli dell’Inter, quindi evidentemente non sono interessati. Il costo del cartellino? Ha una clausola rescissoria di 23 milioni. Ovviamente per decidere, sentiremo anche lui per capire qualisiano le sue preferenze ma lo faremo soltanto quando sarà finito Mondiale dell‘Uruguay. Credo comunque che probabilmente andrà via”.

MERCATO IN ENTRATA – Il numero uno del club siciliano ha poi parlato dell’ipotesi Marco Biagianti, centrocampista del Catania molto apprezzato dal ds Sabatini: “Io non conosco molto il giocatore. So che piace al mio direttore sportivo. Come so, per esperienza, che un calciatore del Catania difficilmente può finire al Palermo. Ci scommetto che non arriverà”. L’ex presidente del Venezia Calcio, è stato molto attento a mantenere il riserbo sui ‘nomi’ seguiti dal suo club: “Toloi e Glik? Stiamo trattando 4-5 giocatori ma non dirò mai i nomi. Se lo facessi potrei pregiudicare l’esito delle trattative. Vedremo cosa accadrà”.

STOCCATA A BLATTER – Il patron del Palermo ha poi commentato gli errori arbitrali che stanno minando la regolarità del Mondiale sudafricano e la scarsa propensione degli organi calcistici ad aprire all’introduzione di aiuti tecnologici: “Il problema del calcio è Blatter, bisognerebbe prenderlo a calci e mandarlo via immediatamente. Subiamo continuamente questi burocrati: ci dettano regole assurde e speculano su questo sport. Con l’introduzione di queste tecnologie certi errori non ci sarebbero stati al Mondiale”.